Hai provato più volte a mantenere in vita una pianta d’appartamento e nonostante i tuoi migliori sforzi, ottieni sempre lo stesso risultato. Le foglie delle tue piante sono appassite o la tua pianta purtroppo si è completamente seccata e tu non capisci. È ovvio, non hai il pollice verde. Perché non optare per piante da interno che richiedono pochissima manutenzione.

Cosa sono le piante d’appartamento ad acqua bassa?

Queste piante sono facili da mantenere e quindi ti permettono di svolgere le tue varie occupazioni.

1- Sago Palm o Sago giapponese

palma da sago

Cycas giapponese, sago giapponese o anche sagoutier…così viene soprannominato questo piccolo arbusto originario del Sol Levante. Questa pianta da interno  porterà un tocco esotico che veste ogni stanza della tua casa in modo originale. Il sago giapponese sarà nel suo elemento in un luogo luminoso con una temperatura compresa tra 20 e 22°C. Questa bellissima pianta apprezza anche l’umidità e per una buona fioritura è consigliabile annaffiarla con acqua minerale almeno ogni quindici giorni. In inverno, puoi lasciarlo asciugare un paio di centimetri prima di annaffiarlo di nuovo. Assicurati di tenere i tuoi animali domestici lontani dalla tua pianta poiché è velenosa. Produce un amminoacido neurotossico che lo rende pericoloso.

2- Lingua della suocera

la lingua della suocera

Scegli la lingua della suocera per la sua fioritura originale. Con il suo fogliame resistente, questa pianta da interno delizierà i più pigri. Non ha un gambo che facilita notevolmente la sua manutenzione. Per coltivare questa bellissima pianta non è necessario annaffiarla regolarmente. Si consigliano annaffiature moderate da maggio a settembre, ma da ottobre la pianta va in letargo e si può definitivamente smettere di annaffiare da dicembre. Dopo questo riposo vegetativo, riprendere le annaffiature all’inizio di marzo fino alla nuova crescita delle radici.

3- Orchidee

orchidee

Le orchidee sono fiori  tropicali molto resistenti . Questa varietà di piante ha più di 25.000 specie che formano la famiglia più ricca del mondo vegetale. Questi fiori dai colori diversi vanno posti in luogo ventilato e con una forte luminosità senza sole diretto. Le orchidee non hanno bisogno di essere inondate. Si consiglia di immergere il vaso di questi fiori da interno in una vasca d’acqua per circa quindici minuti. Quindi scolatelo prima di rimetterlo a posto. Per una fioritura ottimale dei loro fiori a forma di farfalla, evita di posizionarli vicino a termosifoni e altre fonti di calore.

4- Zampa d’elefante

piede di elefante

Chiamato anche Beaucarnea, questo piccolo albero da interno non richiede molta manutenzione. Gli piace essere posto in un luogo luminoso e in un vaso abbastanza stretto. Non gli piace avere troppo spazio. Richiede pochissima acqua perché i suoi steli immagazzinano acqua per farne un serbatoio in caso di siccità. Per coltivare la zampa d’elefante basta annaffiarla una o due volte al mese in caso di forte caldo e in inverno è inutile annaffiarla. Questa pianta d’appartamento preferisce la mancanza di acqua piuttosto che ricevere troppa acqua.

5- Chlorophytum peloso o pianta ragno

clorofito1

Il clorofito peloso o la pianta ragno possono rimanere senz’acqua per una settimana. Queste piante verdi  da interno saranno nel loro ambiente in un luogo luminoso ma senza esposizione diretta al sole. Sarà idealmente collocato in un vaso in sospensione per evidenziare il suo fogliame cadente a forma di nastro. Molto resistente, tollera meglio la siccità rispetto all’acqua in eccesso. Le sue radici ricche di sostanze nutritive sono in grado di immagazzinare l’acqua e permettono di distanziare le annaffiature.

6- La pianta Zamioculcas o ZZ

zamioculcas

La Zamioculcas è una meravigliosa pianta d’appartamento perché non richiede molte attenzioni. Ideale come oggetto decorativo, la pianta ZZ non ama ricevere grandi quantità d’acqua. Crescerà facilmente in un punto luminoso vicino a una finestra con piena esposizione al sole. Buone notizie per coloro che tendono a dimenticare di annaffiare le loro graziose piante perché lo zamioculcas non ama essere annaffiato troppo. Si accontenterà di un terreno sempre umido con acqua non calcarea.

7- La Kalanchoe daigremontiana

kalanchoe

Soprannominata la madre di mille, ha un fogliame adornato da piccole piante verdi e marroni. Questa pianta originaria del Madagascar è molto facile da coltivare. Dovrebbe essere posizionato in un luogo luminoso, lontano da correnti d’aria fredde. Questa succulenta non richiede molta irrigazione. Dagli acqua in modo che il suo terreno sia sempre asciutto tra due annaffiature.

8-Aglaonemi

algaonema

Questa pianta da interno attira tutti gli sguardi con il suo fogliame originale nei colori rosso e verde marmorizzato. Va coltivata in un luogo luminoso ma non alla luce diretta del sole. Per preservare la bellezza delle sue foglie, si sentirà meglio in un luogo con una temperatura superiore ai 14°C. Il suo terreno non dovrebbe mai asciugarsi completamente quindi è consigliabile annaffiarlo regolarmente. Ma puoi lasciarlo respirare per una settimana o due mentre il terreno si asciuga.

9-Pothos

pothos

Il Pothos apprezza i luoghi luminosi ma non dovrebbe essere esposto alla luce diretta. Le sue foglie verdi con tocchi di crema rendono questa pianta da interno un oggetto decorativo ideale per la tua casa. Non ha molta sete d’acqua e si possono diradare le annaffiature fino a che il suo terreno non sia ben asciutto.

10- La succulenta

succulento

Questo tipo di pianta grassa si riconosce per le sue foglie spesse e carnose, come ad esempio i cactus. Queste piante da interno sono perfette perché non richiedono molta manutenzione. Il loro folto fogliame ha la capacità di immagazzinare acqua per resistere a lunghi periodi di siccità. Con queste piante grasse puoi andare in vacanza senza rischi.